Febbraio 17

Diidrotestosterone (DHT): ecco perchè devi aumentare l’ormone della forza fisica (e sessuale)

77  comments

Il DHT (diidrotestosterone) è un ormone androgeno (maschile) dalle 3 alle 5 volte più potente del testosterone.

Al contrario del Testosterone il DHT non è un ormone anabolico, il che significa che non incrementa la massa muscolare o la dimensione delle ossa.

Tuttavia agisce attraverso dei meccanismi intracellulari per aumentare la forza ed è anche responsabile della maturazione sessuale del maschio (oltre a giocare un ruolo importante nella disfunzione erettile)

In generale è un ormone fondamentale che agisce su molti fattori importanti l’uomo ed in questo articolo andremo a capire in che modo.

Soprattutto andremo a svelare due falsi miti a causa dei quali il DHT è stato recentemente demonizzato: la calvizie ed il ruolo nella salute della prostata. 

2 elementi della vita di ogni uomo che come puoi immaginare sono molto importanti

In questo articolo ti svelerò perché queste teorie sono parziali e perché invece aumentare il DHT (naturalmente) dovrebbe essere uno degli obiettivi di ogni uomo.

Diidrotestosterone (DHT): 6 motivi per averlo il più alto possibile

1 – Il diidrosterone permette l’esistenza della prostata e del pene (nonché la sua dimenSione)

I bambini nati con una mutazione del gene che regola la produzione di DHT non hanno sesso. Nel senso che non hanno un pene ed al suo posto hanno una specie di clitoride: infatti la differenziazione sessuale che avviene intorno alla settima settimana di gravidanza ha origine proprio dalla produzione di DHT (FONTE)

Nonostante questi bambini abbiano l’apparato genitale maschile completo (Condotto di Wolff e testicoli) e possano pertanto produrre Testosterone, lo sviluppo del pene durante l’adolescenza, senza DHT non può avvenire, dando origine al micropene.

Come puoi incominciare ad intuire, il DHT una certa importanza ce l’ha

Andando all’altro estremo delle possibili dimensioni, troviamo la leggenda secondo la quale gli uomini di colore siano “superdotati”. Ebbene, questo studio condotto nel 2006 in America ha trovato che:

  • Uomini di razza bianca, nera ed ispanica hanno lo stesso valore medio di Testosterone nel sangue
  • I Neri tuttavia hanno un rapporto più alto tra DHT e Testosterone e perciò più DHT in circolo (questo significa anche che producono più ormoni androgeni)
  • La stessi tesi ha trovato riscontro in un altro studio che ha esaminato anche uomini di razza asiatica trovando in loro il livello più basso di DHT.

Seguendo questa linea di risultati possiamo concludere che molto probabilmente il DHT è un ormone responsabile non solo della maturazione degli organi sessuali e del pene, ma anche della sua dimensione.

2 – Il Diidrotestosterone abbassa il grasso corporeo

Il DHT è un potente riduttore dell’aromatasi, l’enzima responsabile della conversione del Testosterone in estradiolo (il più importante ormone femminile) rendendo perciò più facile diminuire il grasso corporeo. Inoltre in questo studio il DHT si è dimostrato aumentare il AMP ciclico, molecole che stimola la combustione dei grassi.

In sostanza avere il diidrotestosterone alto ci fa rimanere magri e se hai compreso l’importanza del grasso sulla dinamica ormonale maschile sai che essere magri è estremamente importante.

E sai anche che aumentare il Testosterone ti darà una grossa mano per dimagrire e perdere la pancia

L’articolo ti sta piacendo o lo stai trovando utile? Condividilo nei tuoi social o tra i tuoi amici. Non ti costa nulla ma mi darai una grossa mano a crescere! Clicca qui sotto!

3 – Il Diidrotestosterone è un inibitore della prolattina

Il DHT viene spesso usato (ed è molto efficace) per trattare il seno maschile, l’accumulo di grasso nella zona delle mammelle provocato da un eccesso di estrogeni. In questo studio il DHT è stato visto agire come antagonista agli estrogeni indotti dal rilascio della prolattina

4 – Il Diidrotestosterone aumenta la forza, la velocità è la potenza.

Gli steroidi a base di DHT sono inutili per prendere massa muscolare. Tuttavia sono incredibilmente efficaci per ottenere strepitosi incrementi di forza.

Ed è naturale che sia così. Infatti il DHT ha forti effetti sul sistema nervoso Centrale e Periferico e se sai come è prodotta la forza, sai che dipende esattamente dal sistema nervoso.

Uno studio ha trovato che il DHT è responsabile dell’aumento delle fibre muscolari bianche, che sono responsabili dei movimenti esplosivi. Lo stesso studio ha mostrato che il Testosterone non ha lo stesso effetto.

Naturalmente ho già spiegato che assumere steroidi è estremamente pericoloso e che ogni volta che in questo sito parliamo di aumento degli ormoni maschili ci riferiamo ad un aumento naturale.

5 – Il Diidrotestosterone aumenta la calma e la leadership maschile

Il DHT tende ad aumentare la adrenalina, ma alza anche l’attività del GABA nel cervello (studio, studio, studio). Il GABA è un neurotrasmettitore che promuove la calma, la stabilità e la capacità di concentrazione.

Il Finasteride, un farmaco anti DHT per la cura della calvizie, è stato messo in relazione con un aumento della depressione in chi lo usa. Perciò possiamo concludere che il DHT è un antidepressivo naturale (FONTE). Non è strano dato che la relazione tra ormoni ed ansia è molto stretta

Jason Statham, famoso attore, ha le caratteristiche dell'uomo ad alto DHT (ed anche la fidanzata)
Jason Statham, famoso attore, ha le caratteristiche dell'uomo ad alto DHT (ed anche la fidanzata)

A proposito vuoi ottenere il fisico di Jasom Statham? Devi seguire il suo allenamento, che si basa su questi principi

6 – Il Diidrotestosterone è fondamentale per la libido e erezione

Affinché l’uomo possieda una buona capacità erettiva è importante avere un buon livello di DHT.

Infatti il DHT è l’ormone androgeno responsabile del mantenimento dell’ossido nitrico durante l’erezione. L’ossido nitrico è una sostanza che produce vasodilatazione, permettendo un maggiore flusso sanguigno all’interno dei corpi cavernosi del pene ed essendo perciò determinante per la durata, il turgore e la forza dell’erezione.

Questo studio in particolare dimostra come sia il DHT e non il Testosterone il principale androgeno alla base della prevenzione del deficit erettile. Naturalmente il DHT è un prodotto del Testosterone, quindi affinché ci sia diidrotestosterone alto deve esserci un alto livello di Testosterone.

Tuttavia anche l’estradiolo ha una sua importanza perché regola la libido. Un livello di estradiolo troppo alto o troppo basso infatti è stato messo in relazione con un abbassamento della libido.

Perciò per la buona salute sessuale dell’uomo è fondamentale avere un buon equilibrio tra DHT ed estradiolo.

Perché assumere farmaci per l’abbassamento del DHT è una pessima idea

Come dicevamo all’inizio dell’articolo, il DHT è stato messo sotto attacco negli ultimi anni. Questo perché un livello alto di diidrotestosterone è stato messo in relazione con

  • Calvize maschile
  • Ipertrofia prostatica

Stò per spiegarti perché queste “presunte verità” sono “verità solo in parte” e perché limitare il proprio DHT equivale a castrarsi chimicamente.

Testosterone e Capelli: la verità scientifica

La teoria dice che testosterone e capelli non vadano d'accordo. Sembra infatti che aumentare il testosterone aumenta la caduta dei capelli.

Ma non è proprio così…

Bisogna partire da un assunto fondamentale: non è il testosterone a decretare se un uomo riuscirà a mantenere i suoi capelli sulla testa, ma il suo codice genetico. Se nei miei geni ci fosse scritto che dovrò perdere i capelli, essi cadranno a prescindere dal mio livello di Testosterone. PUNTO.

Tanto è vero che la calvizie colpisce anche le donne ed in loro il Testosterone è estremamente più basso che negli uomini.

Per dipiù facendo una ricerca nelle pubblicazioni scientifiche viene fuori che la calvizie è stata collegata a:

  • Testosterone alto
  • Testosterone basso
  • Estrogeni bassi
  • Estrogeni alti
  • Diidrotestosterone alto
  • Cortisolo Alto
  • Genetica

Quindi diversi studi indicano possibilità diverse e non c’è una linea chiara ed una verità certa sull’influenza del Testosterone sulla calvizie. Sembra comunque che la calvizie sia legata principalmente ad un aumento del DHT, che in certi uomini viene convertito in misura maggiore a causa di una maggiore presenza di enzima 5 alfa riduttasi (RIPETO non ci sono dati certi)

E così l’industria farmaceutica, fiutando un business colossale, ha lanciato sul mercato alcuni farmaci contro la calvizie, la maggior parte dei quali sono a base di Finasteride: un farmaco contro la caduta dei capelli che riduce l’enzima 5 alfa riduttasi in modo che il corpo converta meno testosterone in DHT

Il fatto è che questo farmaco funziona molto bene sull’enzima 5 alfa reduttasi, causando una diminuzione importante di DHT.

In pratica funziona così:

  1. Il farmaco (esempio: Finasteride) agisce come anti-dht.
  2. L'enzima 5 alfa reduttasi viene inibito 
  3. Una quantità minore di testosterone viene convertito in DHT
  4. Il livello di DHT nel corpo inizia lentamente a diminuira
  5. Questo in teoria FORSE salverà i capelli di chi assume il farmaco
  6. In compeso quasi certamente creerà diversi problemi

Anti DHT e 5 alfa reduttasi: effetti collaterali

Questi principi attivi sono stati messi in relazione con la disfunzione erettile, impotenza, testosterone basso, depressione, problemi cardiovascolari ed un insieme di altri sintomi.

Tanto è vero che molti dei miei studenti si rivolgono a me proprio a causa di un fenomeno noto con il nome di sindrome post-finasteride​

La ragione per la quale questi farmaci causano testosterone basso e disfunzione erettile è molto semplice.

Abbiamo bisogno del DHT! Fa parte della nostra fisiologia maschile ed è il principale ormone androgeno deputato alla maturazione dell’organo sessuale maschile. Ce l’avrà ben un effetto sul nostro organo sessuale maschile… o no?

Da qui il mio invito: se hai problemi di calvizie… tieniteli.

Sopprimere il tuo DHT attraverso un farmaco che riduce l’enzima 5 alfa reduttasi è come usare una bomba a mano per colpire una formica.

Senza contare che molti degli attori maggiormente simboli di mascolinità sono calvi

dht e fascino. molti attori di hollywood sono calvi e questo aumenta la loro mascolinità

Il diidrotestosterone (DHT) e gli estrogeni hanno un ruolo nell'insorgenza della BPH(ipertrofia prostatica). Questo significa che occorre la presenza degli androgeni per l'instaurarsi della BPH, ma non sono necessariamente la causa diretta della patologia… …Esiste una notevole evidenza sul fatto che gli estrogeni giocano un ruolo nell'eziologia della BPH. Questo è basato sul fatto che la BPH si verifica in uomini con elevati livelli di estrogeni e relativamente ridotti livelli di testosterone libero (questa sostanza ha quindi, se non convertita in altri ormoni, un'azione benefica e salutare nei confronti della prostata) e quando i tessuti prostatici diventano più sensibili agli estrogeni e meno rispondenti al DHT. Cellule prese dalla prostata di uomini affetti da BPH hanno mostrato una più elevata risposta agli alti livelli di estradiolo nel caso di bassi livelli di androgeni.

3 - Dimagrisci

Lo abbiamo già detto molte volte: essere grassi è un vero bacio della morte per la salute ormonale maschile. Aumenta il livello di estrogeni (a causa di una maggiore attività dell’enzima aromatasi), aumenta il cortisolo a causa dello stress ossidativo ed abbassa il testosterone.

Per dipiù il grasso neutralizza il DHT. Come evidenziato in questo studio, gli enzimi contenuti nel grasso adiposo neutralizzano il DHT convertendolo in una forma meno potente, il 5 alfa androstano. La conclusione dello studio è che maggiore è la quantità di grasso corporeo, maggiore il DHT neutralizzato.

4 - Integra con il Boro

Avevamo già parlato del Boro con riferimento all’aumento del Testosterone Libero grazie alla diminuzione della quota di Testosterone che viene legata alle SHBG. Altri studi sono stati messi in relazione con un aumento del testosterone, una diminuzione degli estrogeni ed un aumento del DHT (fonte, fonte)

5 - Allenamenti di forza

Ecco un altro dei leit motif di questo blog. E’ ben documentato l’aumento del testosterone prodotto da un allenamento volto all’allenamento della forza. Quello che però vale la pena di far notare è che questo tipo di allenamento, caratterizzato da sforzi esplosivi, grossi carichi e basse ripetizioni, è correlato ad anche un aumento evidente del DHT (fonte, fonte, fonte, fonte, fonte)

6. Evita gli inibitori della 5 alfa riduttasi

Ovviamente tutti questi tentativi di aumentare il DHT sarebbero inutili se continuassimo ad introdurre nel nostro corpo gli inibitori della 5 alfa riduttasi, l’enzima incaricato di trasformare il testosterone in diidrotestosterone. Perciò è una buona idea quella di limitare o sospendere l’assunzione di queste sostanze:

  • Fieno Greco
  • Serenoa Repens (collegata peraltro in alcuni casi a disfunzione erettile)
  • Finasteride

CONCLUSIONE

Il diidrotestosterone (DHT) è uno degli ormoni in assoluto più importanti per il corpo umano maschile.

Regola lo sviluppo degli organi sessuali, la forza fisica e lo sviluppo dell’apparato neuromuscolare, influenza l’attività del cervello in chiave anti-depressiva ed è fondamentale per bilanciare la quota di estrogeni oggigiorno sempre più alta nell’uomo moderno.

E’ fondamentale evitare di non castrarsi chimicamente usando farmaci o integratori che diminuiscono l’attività dell’enzima 5 alfa riduttasi e mantenere questo ormone alto il più a lungo possibile.

Dubbi o domande? Scrivile nei commenti in fondo alla pagina!


Tags


You may also like

Come aumentare la libido maschile in 9 insoliti passi – Parte 2

Calo del desiderio maschile: cause e rimedi naturali – Parte 1

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  1. Grazie molto!Ho iniziato da capire come sta la mia situazione,da dove e come cambiare il stile di vita.Comunque,poco poco.ma percepisco i miglioramenti ,Grazie!

      1. Buonasera.

        Ho riscontrato dalle ultime analisi calo del testosterone totale e libero nel giro di 3 mesi da valori bassi a valori sotto norma. Contemporaneamente il DHT è sopra norma! Come si spiega una cosa del genere? Anche il cortisolo è sul limite superiore.
        Vengo da una dieta a zona ipocalorica di definizione, ho 30 anni. Qualche tempo fa mi riscontrarono una leggera ipertrofia prostatica ma non avevo sintomi…se non stimolo a urinare forse un po’ più frequente

  2. Molto interessante e di grande utilità sei forte ragazzo penso che seguirò i tuoi consigli e ne contesterò i risultati ciao

  3. Ciao, ho letto i tuoi articoli e li trovo molto interessanti, c’è molto studio da parte tua.. Bel lavoro! Voglio chiederti quali sono i valori ematici di riferimento del diidrotestosterone. Grazie

  4. Ciao, ho 47 anni e da circa un anno ho avuto un crollo del testosterone libero, premetto che ho i testicoli molto piccoli ma non ho ma avuto ne ho adesso problemi ererttili, anzi, non per vanto ma sono un diesel. Come dicevo da circa un anno ho avuto un crollo del TL, sono magro vado in palestra integro con zinco e cteatina, ecto-mesomorfo, fisico non grosso ma ben definito come piace a me del resto ed è la cosa piu importante. Il TL nonostante i testicoli piccoli e una oligospermia è sempre stato intorno ai 400, sia a 20 anni che a 40, ma da un anno è sceso a 280. Dallo stesso periodo di un anno sto assumendo wellbutrin (bupropione) che lavora sul recettore della dopamina e mi chiedevo se oltre a cause legate all’età può dipendere da questo farmaco. Con la mia compagna tutto ok, ho avuto peròun grosso calo della libido e deve essere lei a ricordarmi che è l’ora di… poi la soddisfo ma hai capito cosa intendo giusto? Ho anche perso 5kg di massa magra in un anno, nonostante faccia un allenamento di mantenimento. Quindi le domande sono due, può il bupropione essere concausa del crollo di TL registrato nell ultimo anno? E secondo te, con TL a 280 può essermi prescritta una cura sostitutiva? Il dubbio è: a 47 anni sono ancora considerato sessualmente giovane? Grazie delle risposte che vorrai darmi.

    1. Ciao,

      sicuramente gli psicofarmaci possono avere un effetto importante:
      – sul livello di Testosterone
      – sui sintomi
      Naturalmente uno dei primi sintomi è proprio il calo della libido (nonostante la molecola da te assunta sembri non avere effetti sulla libido).
      Sulla terapia sostituiva non mi pronuncio perché non sono un medico ed intolre sono tendenzialmente contrario.
      La cosa più logica sarebbe sospendere il farmaco (con gradualità ed in accordo con il proprio medico)

      A 47 anni sei più che giovane sessualmente!!
      Tra i miei clienti ci sono uomini di 80 anni e passa 😉

  5. Il minoxidil non è un anti-dht, non ha effetto sull’enzima 5 alfa, serve semplicemente a stimolare la circolazione e quindi la crescita dei capelli, l’articolo sembrava avere basi solide, ma con questa inesattezza inizio a dubitarne.

    1. Ciao Raffaele. Ho controllato meglio ed in effetti hai ragione. Il minoxidil non è un dht-blocker. Probabilmente ho confuso le fonti durante la stesura dell’articolo. Grazie per la segnalazione!

  6. Interessante articolo, tranne le informazioni sul fieno greco. Assolutamente falso che infici la produzione di testosterone. È esattamente il contrario. Magari si è confuso.

  7. Ho appena letto anche il suo articolo sul fieno greco ed effettivamente anche lei scrive che è coinvolto in un aumento del testosterone ma non del dht. Ebbene, essendo questa pianta un ormo-regolatore naturale lo stesso non aumenta se il corpo è già in equilibrio altrimenti i risultati ci saranno eccome. A proposito di prostata vi consiglio questo libro. A me ha aperto un mondo. Cercate su Amazon : La prostata e le debolezze dell’uomo. Buona vita.

  8. E cosa mi dici invece dell’ortica? Io ho preso per lungo tempo integratori a base di ortica, proprio per l’effetto che anche tu consideri importante come quello di inibire il legame tra testosterone e le SHBG. Il fatto è che ora leggendo questo articolo capisco che inibire l’azione dell’ enzima 5 alfa riduttasi non è positivo per il DHT, e so che l’ortica ha anche questa proprietà. Quindi a questo punto mi chiedo, l’integratore di ortica fa bene ma anche male a tuo parere? Cioè fa bene per il testosterone ma fa male per il DHT?

    1. Ciao Fabio.

      L’ortica è una pianta interessante che ha dimostrato di avere diverse proprietà:
      – aumentare il Testosterone (ma solo nei topi)
      – liberare il T diminuendo il potere legante delle SHBG. Proprietà che sembra molto forte tra l’altro
      – inibire l’enzima 4 alfa. Tanto è vero che viene usata per trattare l’ipertrofia prostatica.

      Che dire? Non è di sicuro tra i miei integratori ma non è neanche così male.
      Dipende dai tuo obiettivi: se desideri più T libero e sei disposto a rischiare un abbassamento del DHT, vale la pena prenderla in considerazione.
      Ad alcuni questo ragionamento potrebbe risultare intelligente. Soprattutto se per esempio temono una caduta dei capelli.
      Se invece vuoi aumentare la mascolinità in generale, meglio evitare inibitori del DHT

  9. Quindi, ricapitolando – se ho ben capito. Altrimenti, cosa ricapitolo a fare? – la creatina aumenta il DHT ed è il miglior integratore, e il più potente, di questo metabolita del testosterone? Se sì, quale consiglia?
    La ringrazio.

  10. Salve a tutti, avrei bisogno di alcune informazioni. Io sto prendendo un prodotto del tutto naturale chiamato profolan.
    E composto da vitamine, aminoacidi e l’ortica, che come spiegato riduce HD.
    Posso incorrere a problemi di erezione o impotenza?

  11. Salve ho 39anni , assumo Finasteride ormai da anni per un problema di capelli ed ho notato una sensibile diminuzione della forza ed una specie di astenia. Mi sono allenato per anni con i pattini in linea( anche a livello agonistico) facendo freestyle, quindi salti ed acrobazie. Ci vuole grande forza esplosiva e concentrazione.
    Proprio dopo 1 anno di assunzione ho iniziato ad avere problemi di coordinazione, forza e dolore alle articolazioni, mi sembrava di essere invecchiato di 30anni tutto d’un colpo! Ho dovuto smettere col pattinaggio visto l’alto rischio di infortuni. Le analisi dei sangue andavano bene.
    Il mio dermatologo mi ha sempre detto che l’abbassamento del DHT non c’entra niente con i muscoli ed io mi sono fidato continuo a fidarmi anche per gli ottimi risultati raggiunti sui capelli di cui sono molto contento. Ma nonostante le analisi del sangue e i controlli vadano bene, non riesco a fare quasi più nulla se non a correre ogni tanto,mi fanno male le ginocchia, ma com’è possibile?? Ho sempre una grande debolezza.
    Questo articolo sembra confermare molti dei miei disturbi fisici (erezioni meno vigorose, astenia, debolezza), ma possibile che il mio dermatologo sia all’oscuro di tutto questo?? Mi ha sempre detto che era una pasticca innocua…

    1. Ciao Roberto. Io sono di una parere molto semplice: se la NAtura ha creato il DHT un motivo dovrà pur esserci… checché ne dicano i migliori luminari del mondo. Inoltre tieni presente che ho diversi clienti con un problema chiamato “sindrome post-finasteride” che a detta loro (io non conoscevo questo problema) ha sintomi anche molto più seri di quelli da te riscontrati.

      Perciò magari fai qualche ricerca su Google (ci sono forum dedicati) e valuta il da farsi 😉

  12. Caro Tiziano ho letto il tuo articolo, e dopo aver fatto le analisi che tu prescrivi , ho riscontrato il testosterone a 481, ma sopratutto l’estradiolo a 12.
    È’ per questo forse che ho un abbassamento della libido?
    Mi puoi dare qualche suggerimento per alzare l’estradiolo?
    Molti dei tuoi consigli per alzare il testosterone gia’ ho cominciato a seguirli.
    Grazie

  13. fc
    dopo un check up in una importante università mi è stata riscontrata iperplasia prostatica benigna

    prescritta cura con Avodart a lungo termine e Vesomni 6/04 mg(3 mesi)
    In entrambi i fogli illustrativi sono preavvisate perdita di libido e problemi erezione puntualmente verificate; anche forza muscolare fortemente diminuita: deduco che ciò sia in relazione alla azione di riduzione HD da te segnalata : mi trovo quindi a dovere fare la scelta fra il rischio di cancro alla prostata ( oggi assente)e la riduzione di problemi -vescica- connessi alla ipertrofia in antagonismo con la perdita della non spiacevole vitalità sessuale ( con le conseguenze sulla coppia) /// in questa situazione è da consigliarsi abbandono della terapia farmacologica che è basata su dutasteride e inibitori della 5-alfa reduttasi oppure continuazione ma con abbinamento con promotori di crescita HD come la Creatina per compensare? nel foglio illustrativo Avodart è scritto che la problematica su erezione/libido si protrarrebbe anche ove smettessi l’uso del farmaco……. e adesso ???

    1. Ciao,

      purtroppo non saprei proprio cosa consigliarti perchè in questi casi il consiglio da seguire è sempre quello del medico.
      L’unica cosa che posso dirti è: cura lo stile di vita.
      Il calo della libido ed i provblemi di erezione non dipendono solo dai farmaci ma anche dal modo in cui ci comportiamo.
      Lo stile di vita infatti può compensare (almeno in parte) gli effetti del farmaco.

      Considera comunque che prendere Creatina ha senso solo se ti alleni molto e che non è una buona idea assumerla con il solo obiettivo di compensare gli effetti del farmaco.
      Piuttosto comincia un serio programma per l’aumento della forza. Quello si che ha effetto.

  14. Molto utile articolo,cé ho una domanda, e possibile que ho perso capelli per la colpa delle proteine che ho assunto durante la palestra?Facevo palestra tre o quatro giorni per settimana a 2 ore .
    Un altra domanda:assumere selenium comme integratore puo mantenere una buona funzionalita della prostata?
    Grazie.

    1. Ciao Mirko, escluderei che possano essere state le proteine…
      mentre invece il fatto di fare palestra in modo intenso può aver aumentato i tuoi ormoni maschili e questo indubbiamente può aver influito sulla perdita dei capelli.
      Però sappi che se nel tuo DNA c’è scritto che li devi perdere… prima o poi li perdi, a prescindere dalla palestra

  15. Caro Tiziano no acquistato il tuo corso da 2 mesi e sto seguendo i tuoi consigli. Ho rifatto le analisi a distanza di due mesi ma il testosterone è rimasto invariato. Ti ho mandato una mail con i risultati degli esami . Per cortesia dagli un occhiata grazie.

    1. Con tutto il rispetto, non mi sembra molto affidabile il sito da te menzionato.
      In primis perchè non riporta alcuna fonte scientifica.
      Secondariamente perchè è un sito che vende integratori (in affiliazione) e quindi non totalmente indipendente.

      Il Saw Palmetto è da evitare assolutamente. A meno che tu non abbia problemi di prostata, nel quale caso comunque ci farei un penserino prima di assumerlo (le fopnti sulla sua effettiva efficacia nell’alleviare i problemi di prostata sono contrastanti. In compeso abbassa il DHT che non è ami una cosa buona). Il Fieno greco serve più che altro alle donne. Comunque puoi leggere di più qui Articolo su Fieno Greco

  16. Ciao, il sito forse non sarà affidabile , ma chi firma l’articolo , dai titoli elencati alla fine, mi pare che sulla materia qualcosa ci capisca.

      1. Ciao Tiziano, credo che le mie parole siano state equivocate : il sito a cui facevo riferimento era quello della tua risposta a Leonardo, e i titoli, e la conseguente esperienza in materia , erano riferiti a chi , sempre su quel sito, aveva scritto l’articolo che tu non condividi.

        1. Come preferisci Andrea, se condividi le tesi di quell’articolo e ritieni che sia una buona idea abbassare il DHT assumendo Serenoa e Fieno Greco… beh ognuno è libero di fare ciò che vuole.

          Ti dico solo che ho pieno di studenti che hanno usato questi integratori con Nessun beneficio e Tante controindicazioni

  17. mi chiamo antonio
    interessa ulteriori informazioni del DHT..del diidrotestosterone. , attualmente
    ho problemi di ansia , prendo farmaci per questo problema , quindi mi comporta anche un calo e un abbassamento del desiderio , mi sta curando un oncologo poi sto curando la caduta dei capelli , con i prodotti efarma .. tramite internet ,, nel trattamento.. sono importanti le vit a compresse ho trovato un prodotto dove e’ presente il testosterone viene trasformato diidrotestosterone. ..questa sostanza ..da quanto ho capito nn ha un effetto benefico sulla calvizia anzi provoca un effetto al contrario , con benefici a livelllo ..sessuale . con effetti collaterali sull sistema nervoso centrale ..
    QUINDI CHE COME POSSO REGOLARMI CON QUESTI PROBLEMI ?
    DISTINTI SALUTI ANTONIO

    1. Ciao Antonio,
      per prima cosa l’oncologo non è la figura più indicato per curare i problemi d’ansia.
      Quello che ci vorrebbe è uno psicoterapeuta.

      Seconda cosa: i prodotti per la caduta dei capelli possono avere serie ripercussioni sul Testosterone e sull’ansia.
      Di che prodotti si tratta? Puoi dirmi il nome?

      1. ok aspetterò.. una domanda.. lei ha avuto esperienze di un recupero da questa sempre più discussa sindrome? intendo nella sua esperienza lavorativa..

  18. Ciao sono un ragazzo di 27 anni vado in palestra 3 giorni alla settimana ho un problema con il mio testosterone prendo creatina due giorni a settimana mattina e dopo pranzato e aminoacidi in più fluxtenina di sera mi possono regolare il mio ormone in più mangio melograno e noci

  19. Estremamente impreciso il punto in cui si parla delle cause dell’alopecia androgenetica e dove citi il fatto che questa sia dovuta ad “un aumento del DHT” .
    Chi soffre di alopecia androgenetica non ha maggiori livelli di diidrotestosterone, bensì una maggior sensibilità recettoriale nei follicoli interessati oltre ad una maggior presenza di recettori nelle zone soggette alla calvizie maschile.

    Inoltre anche il fatto di aver citato il minoxidil tra gli inibitori della alfa 5 reduttasi (poi è stato corretto) mi fa dubitare delle fonti reperite per la redazione dell’articolo.

    1. Ciao Niko, deve esserci un errore. Nell’articolo indico chiaramente come il problema sia di origine genetica e non ormonale.
      Inoltre ho rimosso il riferimento al minoxidil da tantissimi mesi.

      Più che altro il tuo commento mi sembrava diretto all’ottenere un backlink per il tuo sito

      1. Grazie per la risposta, ma nonostante tu dica che nell’articolo indichi come il problema sia di origine genetica e NON ormonale (che è in effetti corretto), poi scrivo “…sia legata principalmente ad un aumento del DHT” quando invece i livelli di tale ormone in una persona con alopecia androgenetica non sono superiori alla norma.

        Per il fatto del backlink al mio sito (che vedo hai prontamente tolto 😉 ) lo spazio per lasciare il commento prevede il campo “website” e io lo ho usato.

        Come vedi dato che ti infastidisce, in questo commento non lo ho più inserito.

        Il mio commento ha lo scopo di fare corretta informazione sulla parte del tuo articolo che riguarda l’alopecia androgenetica (anche perché come saprai un link no follow non è particolarmente utile 😉 )

        1. Ciao Niko,

          non ho nulla in contrario ai backlink. Tra l’altro ho guardato il tuo sito e lo ho reputato interessante.
          Se vuoi contattami pure in privato e approfondiamo, anche perchè come avrai intuito molti dei miei follower hanno problemi con i capelli…

          Un saluto
          Tiziano

          1. Ciao Tiziano,
            sono felice che il mio sito ti sia sembrato interessante… è nato, come avrai visto, dal fatto che pure io sono stato colpito dalla calvizie androgenetica… e dato che in rete si trova di tutto e di più, ho cercato di mettere assieme le mie esperienze sperando che potessero essere utili a chi si trova nella mia situazione.

            Poi mi ci sono appassionato 😉

            Anche se magari non ti sarà sembrato, anch’io ho trovato interessante il tuo sito… avevo letto già diversi articoli prima di commentare qui e li ho trovati in generale ben fatti e documentati dato che mi interesso a bodybuilding natural e integratori (non solo di calvizie 🙂 )

  20. La calvizia non è collegata ad un DHT alto, bensì alla sensibilità personale dei propri capelli a questo ormone.
    E soprattutto il legame tra sessualità e calvizie non centra nulla..

    1. Andrea puoi spiegarti meglio, cosa vorresti dire che chi soffre di alopecia androgenetica e fa uso di creatina non c’è una maggiore perdita di capelli? Perché io ho sempre saputo che (solo) per chi soffre di alopecia androgenetica non dovrebbe fare uso di creatina.

  21. Anch’io sono interessato all’ articolo è credo siano interessate tantissime persone.. lei ha esperienza di guarigione da questi sintomi?

    1. Ciao Checco, già molto tempo fa ho promesso un articolo in tal senso. Spero di riuscire a pubblicarlo il prima possibile.

    1. Ciao Leopoldo, grazie dell’appellativo ma non sono dottore (o almeno non in medicina) e di conseguenza non posso nemmeno consigliarti su eventuali patologie…

  22. Salve, la seguo da un pò e vorrei sapere il suo punto di vista sulla cosiddetta sindrome post finasteride.. che a quanto sembra sta colpendo tanti assuntori ed ex assuntori di finasteride e dutasteride.. sorprendentemente anche di serenoa repens.. alcuni studi presentati in convegni tricologici affermano che si tratti sostanzialmente di problemi psicologici.. altri invece mettono in risalto alterazioni di neurosteroidi in alcuni soggetti affetti dai sintomi.. lei ha un’ idea in merito? Saluti

  23. dottorissimo, salve.. anch’io perdendo i capelli mi sto orientando verso la finasteride, però questa sindrome non mi lascia tranquillo e quindi al momento non uso nulla. Sono interessato anche io alla sua risposta sulla sindrome.
    Saluti da Napoli

  24. Buona sera dottore… Volevo capire meglio… O 47 anni Quindi x la crescita dei capelli non va bene il farmaco diidrotestosterone
    Io attualmente sto usando il finasteride da 1 mg..ma solo x un mantenimento, sono solo stempiato ma non voglio andar oltre..
    Non o problemi di erezione ma se non gestisco io la situazione tendo a perdere e non mi dispiacerebbe aumentare sia che la lunghezza che dimensioni è Resiatenza
    Però nota.. riscontro pensieri non appartenente alla sfera sessuale..

    diidrotestosterone aiuta anche a venir fuori da tali pensieri..
    Da piccolo o avuto problemi di………. E nonostante tutto che non frequento posti insoliti o sempre questi ricordi nel mio quotidiano.. Lei è il primo che confido questo
    Sara un fatto psicologico..posso aver gratificazioni con diidrotestosterone

  25. Ciao Tiziano sono un ragazzo di 35 anni, da circa 6 mesi sto utilizzando finasteride e una lozione a base di minoxidil 5% e finasteride. Per me i capelli sono molto importanti però in questi giorni ho avuto dei ripensamenti dati dal fatto degli effetti negativi di finasteride e dal fatto che quanto ho letto su internet, fina. causa tumore al seno , purtroppo ieri ho saputo tramite test genetico di avere una mutazione del gene brca2 sconosciuta nel senso che non si sa se è patogena fatto sta che mia mamma ha avuto tumore ovarico e due mie zie tumore al seno quindi penso di smettere con questo farmaco vorrei da te qualche consiglio su integratori che possano aiutare i capelli senza bloccare il dht magari sostanze nutrienti e poi vorrei sapere se posso usare il minoxdil
    Grazie e aspetto una tua risposta

  26. Utilizzare serenoa repens per un IPB a 17 anni fino ai 19 anni,può incidire sulle dimensioni del pene definitivo nonostante non abbia mai avuto problemi di erezione, e di maturazione e soprattutto ho un testosterone totale e libero alto.

  27. Ciao Tiziano,
    articolo interessante. Cosa ne pensi (hai avuto modo di approfondire) della finasteride topica per il trattamento dei capelli? E’ una nuova soluzione e i promotori dicono che essendo un topico raggiunge e inibisce il dht solo a livello dei capelli e non interagisce con il dht in circolo nel sangue (quello che poi crea problemi).
    Secondo te è plausibile questa tesi o è una “trovata” per vendere?
    Grazie

    1. Secondo me chi è destinato a perdere i capelli si deve mettere il cuore in pace.
      So che on piace questa soluzione ma tanto prima o poi accadrà.
      Il Finasteride, a quanto mi dicono coloro che lo prendono, da problemi a prescindere da come lo si prenda

  28. Ciao carissimo.. ho assunto per un mese un integratore di serenoa con effetti sulla mia virilità veramente distruttivi.. sono passati 15 giorni dall’interruzione ma ancora non mi riprendo..
    Che integratori mi consigli,?? Creatina, vitamina d etc…???
    Grazie aiutami , te ne sarò grato !!

  29. Salve Dott. Leoni, ho letto molti ariticoli sul suo blog molto interessanti,volevo chiederle: l’ormone responsabile della crescita della barba è il DHT? C’è un modo per aumentare il livello di DHT? farmaci anti aromatase come Femara aumentano quest’ormone o lo diminuisco,la ringrazio in anticipo aspetto una sua risposta.

  30. Ho assunto serenoa Repens per 6 mesi ed ho problemi di erezione e desiderio.ho sempre avuto difficoltà ma dopo la serenoa per caduta capelli e peggiorato tanto.Ora ho smesso da un mese e mezzo ma non ho visto miglioramenti ed ho letto opinioni opposte sull efficacia dell integrazione di zinco.Un sito dice che aumenta la produzione di DHT,cosa che vorrei,un altro sito dice invece che ha lo stesso effetto di quella merda di serenoa Repens( perdoni lo sfogo). Vorrei sapere se lei ha notizie in merito e se il voto ne aumenta effettivamente la produzione.meglio calvi che impotente.Spero che sia rimediabile la cosa.Masturbarmi ci riesco ma ho difficoltà a tenerlo duro a lungo.Perdoni anche la franchezza,ma spero che si possa ripristinare la funzionalità e la trasformazione del testosterone in DHT.Aspseto consigli.Intanto la ringrazio per l. articolo.Saluti

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Subscribe to our newsletter now!