Testosterone ed erezione: svelata la relazione tra virilità e sesso

In che modo il testosterone è implicato nel meccanismo dell’erezione? Un livello dei Testosterone Basso può condurre a disfunzione erettile? Alti livelli di testosterone possono migliorare l’erezione e aumentare il desiderio sessuale?

Sono domande che ricevo tutti i giorni da una fetta consistente dei lettori del blog. Vediamo, quindi, in questo articolo di fare chiarezza riguardo il testosterone e la sua funzione relativa all’erezione del pene.

Cos’è il testosterone e a cosa serve?

Prima di addentrarci in profondità nella relazione tra testosterone ed impotenza, ricapitoliamo le funzioni del Testosterone per chi non le conoscesse.

Il testosterone è un ormone steroideo di tipo androgeno, prodotto dalle cellule di Leydig situate all’interno dei testicoli. Nelle donne il testosterone viene invece sintetizzato dalle ovaie e dalla corteccia surrenale, ma in quantità molto minori rispetto all’uomo.

Se mi segui da un po’ saprai sicuramente che il testosterone non ha a che fare solo con l’erezione del pene, poiché assolve a molte altre funzioni importanti per l’intero organismo umano quali:

  • Regolare lo sviluppo delle ossa e dello scheletro. Durante l’infanzia e l’adolescenza permette l’allungamento delle ossa e la crescita in altezza, mentre in età adulta contribuisce al loro mantenimento in salute diminuendo il rischio di osteoporosi (degradazione del tessuto osseo). Uno dei motivi per cui le donne sono più soggette all’osteoporosi, rispetto agli uomini, è per l’appunto il minore livello di testosterone rispetto noi maschi.
  • Contribuire allo sviluppo e mantenimento dei muscoli del corpo.
  • Permettere e contribuire al genere di caratteri sessuali secondari come la quantità di peli sul corpo, la barba, il timbro della voce.
  • Regolare lo sviluppo degli organi sessuali (soprattutto del feto nella fase prenatale).
  • Intervenire nei meccanismi di protezione da malattie metaboliche come l’ipertensione, le malattie cardiovascolari e il diabete mellito di tipo 2.
  • Il testosterone ha un ruolo importante nel metabolismo dei grassi. Una carenza di testosterone può condurre o contribuire all’accumulo di grasso sul giro vita, fino a portare all’obesità. L’abbondanza di testosterone può invece contribuire a bruciare i grassi più in fretta.
  • Interviene anche in alcuni processi psicologici riguardanti l’autostima, la fiducia in se stessi, la vitalità e la determinazione. In alcuni casi, bassi livelli di testosterone sono stati associati a problemi di insicurezza e depressione.

Il testosterone influisce sulla libido e sul desiderio sessuale?

Arriviamo finalmente al punto centrale dell’articolo.

Il testosterone è uno dei più importanti fattori che influiscono sul desiderio sessuale e sul meccanismo dell’erezione. Bisogna però essere chiari: non è l’unico.

Tuttavia come vedrai nel seguito avere un alto livello di Testosterone influisce su tutte quelle dinamiche che portano al raggiungimento e mantenimento di una robusta erezione (oltre ad una maggiore qualità dell’orgasmo ed una generale sensazione accresciuta di benessere durante tutto il rapporto sessuale)

Mentre invece Disfunzione erettile e testosterone basso sono due eventi che spesso si presentano contemporaneamente.

Vediamo come stanno le cose

Testosterone ed Erezione: tutte le verità

Diversi test scientifici dimostrano che un incremento dei livelli di testosterone contribuisce all’aumento del desiderio sessuale sia negli uomini che nelle donne.

Detto questo si potrebbe arrivare alla conclusione affrettata che: più testosterone uguale maggiore desiderio sessuale. Ma non è esattamente così che funzionano le cose, in quanto i fattori coinvolti sia nel desiderio sessuale che nella capacità erettile del maschio sono molto più complessi di questa semplice equazione.

Infatti affinché si sviluppi una erezione potente sono necessarie alcune precondizioni:

CONDIZIONE 1: Libido

Dobbiamo avere un forte desiderio sessuale. E fin qui niente di strano: il Testosterone è il prerequisito numero 1.

test-testosterone-basso-libido-2

Test Rapido: Ti lascia indifferente? Se la risposta è SI hai il Testosterone Basso

CONDIZIONE 2: Autostima

Dobbiamo essere fortemente sicuri di noi stessi: infatti il solo desiderio sessuale non è sufficiente.

Mi spiego meglio.

Immagina di trovarti davanti ad una Ferrari. Bella vero? Però a meno che non sia tua le sensazioni che proverai sono probabilmente quelle di invidia e rammarico: “come vorrei possederla”… giusto? Beh con una bella donna accade la stessa cosa.

Puoi essere davanti a Miss Universo ma se sai di non poterla possedere interamente (per esempio perché dubito delle tua “abilità” tra le lenzuola) è difficile che tu entri in uno stato mentale di eccitazione: “tanto non sono in grado di soddisfarla” ….

Ebbene, anche in questo caso il Testosterone è un potente alleato. Un uomo ad alto Testosterone infatti è molto sicuro di se. E questo si riflette su una sensazione di “potenza” che è molto gratificante già di per se. Immagina se pensi di poter “possedere” Miss Universo (in piena sicurezza delle tue capacità) …

CONDIZIONE 3: Salute Cardiovascolare

Dobbiamo avere un apparato idraulico a posto. Intendo dire con questo che le pareti dei vasi cardiovascolari nella nostra zona genitale devono essere in buona salute, così da portare abbondante flusso di sangue al pene durante la fase dell’eccitazione sessuale.

In questo caso l’attore principale non è il Testosterone ma l’Ossido Nitrico. Si tratta di una molecola prodotta dalle cellule dell’endotelio che permette alla muscolatura liscia di rilassarsi e lasciar passare più sangue. Questo fenomeno avviene in tutto il corpo naturalmente. Ma quando avviene a livello locale, nella zona genitale, provoca l’erezione.

L’Ossido Nitrico è esattamente la molecola sulla quale agiscono i farmaci per l’erezione.

Ma ecco il punto: recenti studi mettono in relazione molto stretta la produzione di Ossido Nitrico ed il livello di Testosterone. Se non si possiedono valori adeguati del nostro prezioso ormone maschile è facile avere problemi di “carburante” quando siamo nei momenti “caldi”

CONDIZIONE 4: Rapporto con la partner

I meccanismi legati alla sfera sessuale riguardano anche altri fattori: culturali, l’influenza di stimoli esterni, fattori relazionali con la partner o la sfera femminile in generale e soprattutto fattori psicologici durante il rapporto sessuale.

Il testosterone quindi non è tutto.

Infatti è ovvio che puoi anche avere un Testosterone altissimo, ma che se non fai che litigare con la tua partner per inconciliabili contrasti di opinione, non ci sarà grande voglia di fare sesso (e perciò niente erezione).

Una carenza di testosterone d’altra parte può avere un’influenza negativa sulla libido e contribuire alla comparsa di problemi di erezione, oltre che problemi di salute in generale data la sua enorme importanza per l’intero organismo.

Ma può anche deteriorare il rapporto con la partner, che ci vedrà sempre più svogliati, stanchi e privi di entusiasmo. Sarà lei quindi a dover prender l’iniziativa… a “fare l’uomo”…mentre noi assumeremo un approccio sempre più passivo, non solo in famiglia ma durante l’ordinario e questo porterà ad una inversione dei ruoli che non farà affatto bene alla coppia.

Testosterone Alto e problemi di Erezione: possibile?

Un dubbio manifestato da molti è il seguente: ci sono i tanti ragazzi giovanissimi, in perfetta salute e atletici, che presentano problemi di erezione quando sono a letto con la ragazza. E questo nonostante abbiano livelli di testosterone molto elevati, sia per via della giovane età che per via dell’attività fisica che lo incrementa.

Alcuni problemi organici possono contribuire alla disfunzione erettile come: gli scompensi cardiaci, scompensi respiratori (frequenti nei fumatori), difficoltà di circolazione sanguigna, prostatiti, eccetera.

Tuttavia, è molto raro che un ragazzo giovane e atletico abbia uno di questi problemi di salute. Quindi come si spiega tutto ciò?

A mio parere la spiegazione è molto semplice: il livello di testosterone non può essere considerato alto in assoluto perché va sempre rapportato all’età dell’uomo.

Gli studi scientifici da questo punto di vista sono molto chiari: per esempio un livello di 500 ng/dl è considerato perfettamente nella norma. Tuttavia:

  • se questo valore appartiene ad un uomo di sessant’anni è un valore “molto buono”, in grado di proteggere chi lo possiede da molti dei sintomi del Testosterone basso.
  • se però un livello di 500 ng/dl appartiene ad un ragazzo di 20 anni, nonostante tale valore sia sempre nella norma, i problemi ci possono essere eccome!

Il dramma è proprio questo: i giovani ragazzi di oggi hanno un livello di testosterone che, nonostante sia alto grazie all’età ed allo sport, è comunque inferiore a quanto dovrebbe essere di natura.

Bisogna sempre ricordarsi che l’uomo preistorico aveva livelli di testosterone pari a circa tre volte il livello attualmente considerato massimo (quindi circa 3000ng/dl). Di fronte a numeri di questo tipo crolla qualsiasi paragone.

Perciò ti propongo di lasciare da parte i numeri e riflettere solo sulle sensazioni intime che possiamo scoprire dentro di noi. Se sei un giovane uomo e ti senti timoroso, insicuro, indeciso, probabilmente hai un livello di Testosterone più basso di quello che potresti avere se non fossi condizionato da questa società.

A questo punto non è così strano che nascano anche problemi di impotenza in uomini molto giovani. Il più delle volte, infatti, i problemi di erezione sono determinati da fattori emotivi durante l’atto sessuale di coppia come:

  • insicurezza
  • ansia da prestazione sessuale
  • paura di deludere la partner
  • conflitti relazionali

Tutte paure e timori che come abbiamo visto sono pesantemente influenzate dalla nostra mascolinità

Riassumendo: aumentare il testosterone non garantisce, da solo, l’ottenimento di erezioni migliori né un aumento della libido matematico. Tuttavia senza di esso la vita sessuale non ha senso. E comunque, avere un alto livello di Testosterone aiuta enormemente in tutti le pre-condizioni amore che conducono all’erezione.

Integratori di testosterone per l’erezione: quali sono?

In linea generale gli integratori di testosterone si possono suddividere in 2 categorie:

  • Integratori di origine naturale.
  • Integratori di origine sintetica e farmacologica.

Gli integratori di testosterone di origine naturale sono per lo più ricavati da estratti erboristici come il Tribulus Terrestris e la Maca, mentre altre volte sono composti da vitamine, aminoacidi e minerali come lo ZMA, lo zinco, l-arginina, l-ornitina.

Tra i culturisti e sollevatori di pesi questi integratori sono molto famosi e spesso vengono venduti con la promessa di migliorare l’erezione e le performance sessuali.

Ma gli integratori naturali di testosterone aiutano per davvero a migliorare l’erezione?DIPENDE.

integratori di testosterone per l'erezione. Forse promettono risultati un po troppo esagerati

integratori di testosterone per l’erezione. Forse promettono risultati un po troppo esagerati

La verità è che moltissimi casi le case produttrici di questi integratori si sforzano nel volere dimostrare l’utilità dei loro integratori e spesso non esistono test scientifici indipendenti che ne dimostrino una reale efficacia.

Altre volte perà esistono numerosi test scientifici indipendenti (non finanziati dalle stesse case produttrici), che dimostrano l’effettiva efficacia di questi integratori naturali.

Il problema però è che anche in questi casi c’è molta disinformazione.

L’esempio un integratore molto diffuso è la L-Arginina. La L-Arginina è il mattone con il quale viene costruito l’ossido nitrico. Di conseguenza viene spesso spacciato per il classico “Viagra naturale”.

Ma ovviamente non è affatto così. La L-Arginina ha una sua utilità ma è molto circostanziata e va usata solo in determinate circostanze. Mentre spesso mi capitano uomini che hanno problemi di sicurezza e mi chiedono se possono usarla.

Io posso rispondere in un solo modo: non ha nessun senso.

Gli integratori per l’erezione vanno usati all’interno di una strategia che metta al primo posto la causa del problema. Effettuare tentativi a caso è invece il miglior modo per buttare via i soldi e nel peggiore dei casi rovinarsi la salute (spesso in maniera irreversibile).

Testosterone ed erezione. Qual è il legame tra i due?

Che il testosterone sia importante per la salute in generale, nonché per la libido e il meccanismo dell’erezione, non vi è alcun dubbio. Come abbiamo visto esso influisce su tutta quella serie di circostanze necessarie per arrivare all’erezione

Arrivare alla conclusione che aumentare i livelli di testosterone sia sufficiente per avere erezioni più potenti, o che migliori in automatico le prestazioni tra le lenzuola non è corretto.

Quello che invece si può dire è che le erezioni vigorose tipiche del Sesso goduto appieno richiedono un livello di virilità che oggigiorno è in continuo declino. Declino che è doveroso arrestare, da parte di noi uomini, invertendo la rotta e puntando ad aumentare il più possibile il nostro Testosterone.

Lascia una risposta 7 commenti